L'infermiera, la professoressa e l'operatore. A loro i primi vaccini Covid

L'infermiera, la professoressa e l'operatore. A loro i primi vaccini Covid

Insieme a Marra e all'infermiera Antonella Di Stefano, sempre del reparto di Malattie Infettive dell'ospedale di Vasto, sono stati una decina i sanitari vastesi che oggi si sono vaccinati.

Claudia Alivernini, la prima vaccinata in Italia e simbolo dell'avvio della campagna di vaccinazioni all'Istituto Spallanzani, a sua volta ha eseguito la vaccinazione alla dirigente delle professioni infermieristiche, Alessia De Angelis. Un gesto altamente simbolico e un grande spirito di abnegazione per il proprio lavoro.

È il giorno che tutta l'Europa aspettava, il Vaccine Day.

"È stata una bella esperienza - ha affermato Marra -".

Il direttore generale dell'Asl Bari, Antonio Sanguedolce, ha sottolineato che "la campagna vaccinale vera e propria partirà nei primi giorni di gennaio, e l'auspicio è che tutti gli operatori sanitari definiti categorie prioritarie aderiscano nell'interesse esclusivo di proteggere l'intera comunità".

Il presidente Fugatti ha detto che "la fine del tunnel è ancora lontana, ma finalmente una luce in fondo si vede".

La prima paziente a sottoporsi al vaccino è stata un'infermiera, Ines Antoniani (la vediamo nella foto di copertina), che ha posato pazientemente davanti ai fotografi della stampa trentina per dare il buon esempio.

L'Aquila. Vaccinarsi "per un infermiere è un dovere verso i cittadini, verso i colleghi e anche verso la scienza in cui crediamo".

Spallanzani di Roma, dopo le prime dosi di vaccino somministrate agli operatori sanitari. Laureata presso La Sapienza di Roma, l'infermiera sta proseguendo il suob percorso formativo: sta infatti frequentando un Master in infermieristica forense.