F1, ufficiale: Tsunoda è il nuovo pilota dell'Alpha Tauri

F1, ufficiale: Tsunoda è il nuovo pilota dell'Alpha Tauri

Il nipponico, prende il posto di Daniil Kvyat, rimasto senza un sedile in vista della prossima stagione.

Nella sua carriera vanta anche il titolo di campione giapponese di Formula 4 nel 2018, prima di trasferirsi in Europa per gareggiare nella neonata FIA Formula 3, dove nel 2019 ha chiuso la stagione in nona posizione con tre podi e una vittoria.

Con Tsunoda, anche il Giappone torna sulla griglia di partenza del Mondiale di Formula 1: l'ultimo pilota della terra del Sol Levante ad aver partecipato ad un Gran Premio è stato Kamui Kobayashi, che ha partecipato alla maggior parte del campionato 2014 al volante della Caterham. Affiancherà Pierre Gasly - vincitore a Monza nel 2020 - e prenderà il posto del russo Daniil Kvyat.

Così intanto Tsunoda e Franz Tost (Team Principal Alpha Tauri) hanno "sigillato" l'ufficialità della notizia.

Tsunoda
Tsunoda in Alpha Tauri è ufficiale affiancherà Gasly nel 2021

Yuki Tsunoda è il nuovo pilota dell'AlphaTauri per il Mondiale di Formula 1 2021. Tsunoda è supportato fin dagli inizi della propria carriera dalla Honda, a cui si è aggiunta nel corso del tempo la Red Bull che gli ha permesso di salire su una Toro Rosso del 2018 (rimarchiata AlphaTauri) in un test privato a Imola.

Il giapponese spende parole per ringraziare anche la Carlin, scuderia con cui ha corso in F2 in questa stagione: "Un ringraziamento anche alle squadre con cui ho corso per poter arrivare a questo punto, in particolar modo la Carlin, squadra con cui ho imparato tanto quest'anno". Mi rendo conto che porterò le speranze di molti fan giapponesi di F1 il prossimo anno e farò del mio meglio anche per loro.

"Red Bull segue la carriera di Yuki da un po' di tempo e sono sicuro che sarà una grande risorsa per il nostro team". "In Formula 2 ha dimostrato di avere il giusto mix tra aggressività in gara e capacità tecniche". Durante il test di Imola a novembre, quando ha guidato la nostra macchina del 2018, i suoi tempi sul giro sono stati molto costanti pensando a una simulazione di gara, ha progredito durante la giornata e ha fornito utili feedback ai nostri ingegneri. Inoltre, la sua integrazione con gli ingegneri Honda è stata perfetta, il che sicuramente aiuta. "Ai test di Abu Dhabi di questa settimana, ha dimostrato di apprendere velocemente e di essere pronto a fare il passo verso la Formula Uno".