Bonus cashback di Natale da 150 euro: ecco chi può essere escluso

Bonus cashback di Natale da 150 euro: ecco chi può essere escluso

La misura dovrebbe partire ufficialmente dal 1° gennaio 2021, ma la sperimentazione è stata avviata dall'8 dicembre con il cashback di Natale, che, specularmente alla forma ordinaria, prevede un rimborso del 10%, fino ad un massimo di 150 euro, per le spese effettuate dall'8 al 31 dicembre, con carta di credito, prepagata, bancomat, bonifico o app di pagamento.

Sapevate che si può utilizzare il Cashback anche per pagare le bollette della luce e del gas? Dovranno comunque recarsi fisicamente a pagare la bolletta inviata dal gestore. Su diversi store di applicazioni (ma le principali segnalazioni sono arrivate per l'Apple Store), sono comparse false app Cashback, dai nomi accattivanti e - soprattutto - ricchi di parole chiave che, tuttavia, non hanno alcuna utilità nel piano Cashback di Natale predisposto dal governo, che invece viene misurato e conteggiato attraverso la tanto criticata App IO (quella che, nelle scorse settimane, ha avuto diversi problemi collegati all'accesso).

E adesso arriva questa nuova problematica, e oltretutto sembra che questo mancato conteggio stia accadendo di frequente con le carte PagoBancomat/Maestro o PagoBancomat/V-Pay.

Pertanto, chi opta per i pagamenti bancomat, farà bene a chiedere in modo chiaro all'esercente di usare alla cassa il circuito Pagobancomat, senza avvicinare la carta al Pos, per il contactless.

Un'operazione che lo stesso consumatore ignora al momento di effettuare la transazione.

Il problema, spiega ancora laleggepertutti.it, deriva da una convenzione rimasta ancora da siglare tra il circuito Maestro e PagoPa. Naturalmente, ci sono spese che non concorrono al raggiungimento del rimborso del 10% sulla spesa effettuata tramite il Cashback di Stato: fanno parte di questa categoria gli abbonamenti a riviste, oppure a piattaforme di streaming multimediale (tutti voi conoscerete senz'altro Netflix, NowTV e Amazon Prime Video, che tanta compagnia ci hanno tenuto e continuano a tenerci durante il lockdown). La soluzione quindi sarebbe quella di registrare la carta in questione su IO con entrambi i metodi. Infatti, forse non tutti sanno che le carte di debito emesse dalle banche italiane funzionano sia con i circuiti nazionali che con quelli internazionali, ma in ipotesi di pagamento in modalità contactless, frequentemente il pagamento è veicolato automaticamente sul circuito internazionale Maestro. "In alternativa, bisognerebbe registrarsi per il cashback attraverso altri canali ammessi all'iniziativa con le loro app o tramite i loro siti di home banking, com'è già possibile fare, ad esempio, con Poste Italiane, Banca Sella, Nexi o Satispay", conclude il sito di informazione legale.