Tennis, favola Sinner: il più giovane italiano a vincere un torneo Atp

Tennis, favola Sinner: il più giovane italiano a vincere un torneo Atp

Si tratta di una vittoria importante: per la prima volta va in una finale di un torneo ATP250 e ora è quasi matematicamente tra i primi 40 al mondo. Il tennista di Bolzano, alla prima finale in carriera, batte il canadese Vasek Pospisil con il punteggio di 6-4, 3-6, 7-6, e si aggiudica l'Open di Sofia, torneo Atp 250. Oltre all'affermazione progressiva negli ultimi anni di alcuni atleti azzurri, da Fabio Fognini che ha vinto il suo primo torneo 1000 a Montecarlo nel 2019 a Matteo Berrettini, vicinissimo ai primi 8 al mondo per giocarsi il Master di fine stagione a Londra con i migliori al mondo, e ancora Lorenzo Sonego che ha giocato recentemente la finale a Vienna, c'è una nuova gene generazione di atleti dalle grandi speranze. La ripresa però è immediata, Sinner non sbaglia nei momenti cruciali e al termine di un terzo set equilibratissimo trionfa al tie-break. Balzo pure nel ranking Atp: a 19 anni è il numero 37. Fatto il break, Sinner ha tenuto una velocità di crociera tutto sommato ridotta per chiudere 6-3. Ma Iannik non si è fatto intimorire ed ha imposto il proprio tennis sin dal primo game.

Jannik Sinner è cresciuto in Val Fiscalina, nel comprensorio Tre Cime Dolomiti, dove i genitori, papà Johann e mamma Siglinde lavorano rispettivamente in cucina e al servizio ai tavoli nel rifugio Talschusshutte che non è sulle piste da sci alpino ma nei pressi dei circuiti di sci di fondo, non lontano dalla cabinovia che sale da Bad Moos.