Pechino si congratula con Biden - Strategie & Regole

Pechino si congratula con Biden - Strategie & Regole

Quando il presidente Donald Trump ordinò il ritiro di tutte le truppe americane dalla Siria, tranne qualche centinaio, i suoi stessi diplomatici occultarono al presidente il vero numero delle forze americane, ha rivelato l'ornai ex inviato statunitense nel paese arabo, Jim Jeffrey, in una nuova intervista.

Vale comunque la pena sottolineare che, sebbene si sia rifiutato di impegnarsi per un trasferimento pacifico del potere, Trump non ha mai detto esplicitamente che avrebbe respinto i risultati delle elezioni.

Sono 31 le aziende prese di mira dal provvedimento, tra le quali spiccano importanti gruppi dei settori costruzioni e aerospazio gestiti dallo Stato, nonché società di tecnologia e comunicazioni come Inspur Group, Huawei e China Telecommunications Corp.

Si fa sempre più ingarbugliata la transizione americana. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all'interno della sezione "news" di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza.

"Il tempo dirà chi entrerà in carica a gennaio". Al momento Parler non rappresenta una minaccia per i vari Facebook, Twitter e via discorrendo, tenendo conto che questi ultimi viaggiano su numeri a 10 cifre, ma se Trump dovesse iscriversi, a quel punto la situazione potrebbe decisamente cambiare, soprattutto se il presidente uscente puntasse ad una candidatura in vista del 2024. Risultato finale 306 "grandi elettori" contro 232.

Il Segretario di Stato Mike Pompeo - che è indagato per abuso d'ufficio e ha passato la primavera diffondendo la menzogna che il coronavirus è scappato da un laboratorio di Wuhan - si comporta da prepotente. Anzi, affermano con certezza che "l'elezione del 3 novembre è stata la piu' sicura della storia degli Stati Uniti".

Oggi anche la Cina si è congratulata con il nuovo presidente Joe Biden. Per sbrogliare la matassa di un'altra elezione presidenziale complicata, quella che vedeva contrapposti Al Gore e George Walker Bush nel 2000, fu necessario attendere per più di un mese, perciò, indipendentemente dalla simpatia o antipatia per l'uno o l'altro candidato, sarebbe opportuno riservare un po' di pazienza anche alla sfida fra Biden e Trump. "Non giuriamo nelle mani di un individuo, ma sulla Costituzione che è la Stella Polare etica di chiunque veste l'uniforme". Ognuno si comporta esattamente come avevamo previsto.