Morbidelli trionfa a Valencia, mondiale a Mir

Morbidelli trionfa a Valencia, mondiale a Mir

Con questa vittoria Morbidelli si prende il secondo posto in classifica piloti dietro a Joan Mir, il nuovo campione del mondo. Mir è un grandissimo pilota. I titoli precedenti risalgono all'epoca in cui correva la Classe 500 e al via erano schierate moto a due tempi. Nel 1981 e nel 1982 è stata quindi la volta degli italiani Marco Lucchinelli e Franco Uncini, sempre su RG500, mentre gli altri successi sono arrivati con RGV500 a opera di due piloti americani, Kevin Schwantz, nel 1993, e Kenny Roberts Jr, nel 2000. Sfruttando così anche gli errori di chi lo precedeva, Mir è riuscito a tagliare il traguardo al settimo posto, in modo da raggiungere 171 punti che gli permettono di non essere più riagguantato nell'ultima gara della stagione, il GP del Portogallo che si disputerà tra una settimana sul circuito dell'Algarve. Sono davvero felicissimo. Maiorchino come Jorge Lorenzo, Mir ha vinto grazie alla continuità: un solo Gran Premio vinto, l'altro disputato a Valencia, ma tanti piazzamenti che gli hanno permesso di imporsi su Quartararo, Vinales e Dovizioso che a turno hanno cercato di prendere in mano il mondiale.

Il titolo mondiale va a Mir su Suzuki: bravissimi!

Oggi pomeriggio, dopo aver fatto una buona partenza, ha approfittato del lungo di Miller in curva uno del primo giro e, successivamente, è stato estremamente agile a gestire il vantaggio sull'australiano e, nell'ultimo giro, ha tirato fuori gli artiglia e si è difeso con grande agilità dagli attacchi della Ducati Pramac numero 43.

Grande soddisfazione per Franco Morbidelli che al parco chiuso ha dichiarato: "Gara incredibile, ho optato per la dura all'anteriore, alla fine sono risucito a gestirla bene".

Una bella gara che regala l'inno di Mameli... Completano la prima fila Jack Miller (Ducati Pramac) e Takaaki Nakagami (Honda). Brad Binder - (Red Bull KTM Factory Racing) - +4.127 06. Miguel Oliveira, 8. Andrea Dovizioso e 9.