Milan, Maldini: "Gattuso è pazzesco. Calhanoglu sereno, parleremo con l’agente"

Milan, Maldini:

Su come vivono le partite Daniele Bonera e Stefano Pioli: "Ognuno la vive alla propria maniera, ognuno di noi ha un carattere diverso. L'incidenza dell'allenatore è maggiore in era Covid perché le cose dette dalla panchina si sentono di più".

Ecco le dichiarazioni del direttore tecnico rossonero in merito a Gattuso, il grande avversario di questa sera: "Rino è Rino, un allenatore ormai completo". Questa è la sua esperienza di alto livello. In questo momento lui è sereno, è un ragazzo che dava l'anima anche quando non rendeva ed è emotivamente più coinvolto degli altri: "questo è un punto di forza, ma anche un punto debole".

Napoli-Milan, Maldini: “Calhanoglu? Bisogna essere contenti in due”
Milan, Maldini: “Gattuso è pazzesco. Calhanoglu sereno, parleremo con l’agente”

Sulla questione rinnovo Calhanoglu: "Ci sarà sicuramente un approccio con l'agente, vogliamo tenere Calhanoglu come stiamo provando a tenere Donnarumma". Dobbiamo essere contenti in due.

Sulla lotta Scudetto: "La parola Scudetto non mi fa paura". Se non dovessimo vincerlo, non saremmo arrabbiati. Lo saremmo se non arriveremo al nostro massimo potenziale. Ai ragazzi dico di essere ambiziosi e di fare il massimo: se poi avremo continuità fino a maggio, perché non dovremmo proporci. Mi ricordo di vittorie di scudetti e Champions dove se non ci avessimo creduto fino alla fine non ci saremmo mai arrivare. "Se non dovessimo vincere, comunque non sarebbe una delusione". Ho avuto al fortuna di giocare contro grandissimi campioni. Diego Armando Maradona era il più forte di tutti. Napoli-Milan era la sfida Scudetto di quegli anni. Tutto iniziò con la sfida Scudetto al San Paolo, senza quella vittoria la storia del Milan forse sarebbe stata diversa. "Tutti vorremmo avere lo stadio pieno per goderci questo spettacolo".