Egitto, a Saqqara scoperti oltre cento sarcofagi di 2.500 anni fa

Egitto, a Saqqara scoperti oltre cento sarcofagi di 2.500 anni fa

Dopo i circa 60 sarcofagi ritrovati il mese scorso a Saqqara, oggi sono stati svelati altri sarcofagi, circa un centinaio, risalenti ad oltre duemila anni fa (vedi foto della gallery scorrevole in alto).

Il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano ha annunciato una scoperta straordinaria, più di 100 sarcofagi e 40 statuette, tra cui alcune dorate. I sarcofagi ritrovati per lo più sono sepolti da poco meno di 2.500 anni e risalgono perciò all'epoca delle dinastie dal IVI al IV secolo avanti Cristo e alla dinastia dei Tolomei (IV-I sec. a.C.).

"La scoperta è stata effettuata da mani egiziane, che sono riuscite a scoprire più di 100 bare in 3 pozzi".

"Saqqara non ci ha ancora rivelato il grosso del suo contenuto", ha sottolineato il ministro egiziano del turismo e delle antichità Khaled El-Anany che con una cerimonia ha mostrato alla stampa internazionale una larga parte dei nuovi straordinari ritrovamenti.

Al-Anani ha dichiarato che al momento è stato trovato solo l'1% del numero totale di reperti in questa area. Al suo interno è apparsa una mummia intatta, ancora avvolta nelle bende, che è stata sottoposta ai raggi X proprio per verificarne la conservazione senza alterarne lo stato. Intanto continuano gli studi sugli altri circa 60 sarcofagi riportati alla luce nel sito tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre. Saqqara, che ospita più di una dozzina di piramidi, antichi monasteri e luoghi di sepoltura di animali, è una vasta necropoli dell'antica capitale egiziana di Menfi, patrimonio mondiale dell'UNESCO. Secondo il segretario generale del Consiglio delle Antichità, Mustafà Waziri, gli archeologi contano di ritrovare presto anche la bottega artigiana dove i sarcofagi venivano realizzati.