Decreto Ristori Ter, tasse sospese per le aziende con fatturato in perdita

Decreto Ristori Ter, tasse sospese per le aziende con fatturato in perdita

Approvato il Decreto Ristori ter: dopo Ristori e Ristori bis è la terza misura messa in atto dal governo per il sostegno delle attività economiche in crisi. Attesa per la nomina del nuovo referente della sanità calabrese.

"Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Ristori Ter e la richiesta di autorizzazione al Parlamento per un ulteriore scostamento di bilancio".

Si ragione anche sulla proroga di scadenze fiscali di fine anno per 4,8 miliardi. Nel corso della giornata si sono alternati, negli ambienti della maggioranza, una serie di nomi, da Federico D'Andrea a Francesco Paolo Tronca, fino all'outsider Luisa Latella.

"Con il decreto Ristori Ter si alimenta con 1,5 miliardi di euro di risorse già disponibili il Fondo che consente di finanziare in modo automatico, rapido ed efficiente, le misure di ristori destinate alle categorie costrette a chiudere, nelle regioni che cambiano di fascia a causa della recrudescenza del virus".

Una scelta che è stata giustificata, nel comunicato ufficiale pubblicato in seguito all'approvazione, spiegando che l'esecutivo "intende adottare misure che, in continuità con quelle precedenti, consentiranno di estendere gli interventi previsti a favore degli operatori economici, per il sostegno dei settori produttivi e per il sostegno dei cittadini, anche attraverso un utilizzo adeguato della leva fiscale".