Covid, incontro governo-regioni: possibili nuove zone rosse in arrivo

Covid, incontro governo-regioni: possibili nuove zone rosse in arrivo

Non è escluso che altre regioni "possano diventare rosse nei prossimi giorni".

Durante il tavolo Boccia, inoltre, ha assicurato che le Regioni che applicheranno autonomamente delle misure restrittive per i propri territori potranno richiedere comunque i ristori per le categorie colpite dai provvedimenti. Boccia ha spiegato che tutto "dipenderà dai dati di monitoraggio nella seconda fase, che è quella di un ulteriore controllo".

Nuova diatriba tra il governo e le Regioni, con quest'ultime che hanno inviato una lettera per chiedere la modifica dei parametri utilizzati per decidere come collocare i vari terrori nelle tre fasce di rischio. Il Veneto ad esempio, ma anche il Lazio e forse (un po' a sorpresa), anche la Sardegna. Le Regioni vorrebbero diminuire drasticamente i parametri, intanto però da ieri anche l'Abruzzo è in zona rossa, e il presidente della Puglia, Emiliano, ha richiesto lo stesso provvedimento per le province di Foggia, e Barletta, Andria e Trani. "Fino al 3 dicembre non è in discussione il sistema dei parametri" per definire le zone di rischio e il colore da assegnare alle regioni.