Covid, così i cani riescono a fiutare il Coronavirus negli esseri umani

Covid, così i cani riescono a fiutare il Coronavirus negli esseri umani

Si tratta in assoluto del primo caso di Covid rilevato su un cane in Italia. La cagnolina è asintomatica e vive a Bitonto in una famiglia composta da quattro membri in isolamento perché positivi sintomatici.

"Il cane è asintomatico - prosegue Decaro - ed è stato un colpo di fortuna averlo intercettato perché la famiglia ci ha permesso di testarlo all'interno di un progetto di ricerca che stiamo conducendo sui cani e i gatti. Questo è il primo esemplare trovato con l'infezione in corso e la presenza dell'Rna virale".

A causa della pandemia di covid-19 che ha coinvolto l'intero mondo, sempre più persone si sono chiuse in casa per scongiurare il contagio del virus e in moltissimi si stanno dedicando alla risoluzione di enigmi e rompicapi per tenersi impegnati e per sfidare le proprie capacità visive e intellettive. E saranno circa una ventina i casi conosciuti - prosegue Decaro - con una carica batterica molto bassa e quindi non infettante. A quanto pare sì e il primo caso in Italia è stato scoperto a Bitonto in provincia di Bari. Entrambi gli animali sono sopravvissuti al virus e ora godono di buona salute. Lo spiega all'Adnkronos Salute Nicola Decaro, professore ordinario di malattie infettive degli animali all'Università di Bari. Di questi - ha spiegato l'infettivologo - alcuni erano conviventi con pazienti Covid (64 cani e 57 gatti), tutti sono risultati negativi. Solo ulteriori casi riscontrati, infatti, ci diranno di più sugli effetti del virus nei confronti di cani e gatti, tanto per citare gli animali con cui l'uomo tende ad avere più contatti.

Gli esperti consigliano, in caso di positività riscontrata al Covid da parte di persone che si occupano di animali domestici, un affido temporaneo ad amici o parenti che possano prendersena cura, quando possibile, e invitano comunque a evitare allarmismi. "Il rischio di contagio dal cane o dal gatto è quasi zero".