Coronavirus, monito dell’Iss: "Ci sono delle ricrescite"

Coronavirus, monito dell’Iss:

Davanti ai giornalisti il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, assieme allo stesso Rezza, hanno chiarito come il nuovo decreto Conte si inserisca in un "percorso condiviso da Regioni, ministero della Salute e Cts, che si ispira a modelli internazionali e si delinea in un processo in tre fasi". "Questo è un elemento di attenzione perché vuol dire che un alto numero di persone anziane contrae l'infezione". Circa 220 mila tamponi, 99 in terapia intensiva. Disponiamo di una "cassetta degli attrezzi" - ha aggiunto Brusaferro - definita sulla base del set di 21 indicatori di rischio prescritto con circolare ministeriale il 30 aprile, e del documento "Prevenzione e risposta a Covid-19: evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione per il periodo autunno-invernale". "Abbiamo obiettivi che possono essere diversificati in funzione della fase, quando l'epidemia è sotto controllo abbiamo misure di contenimento per non trasmettere l'infezione, quando numeri eccedono sono necessarie misure più ampie" ha spiegato il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità. Si lavora, ha affermato Rezza, "su indicatori come l'incidenza dei casi, l'indice di trasmissibilità Rt, l'occupazione dei posti letto: se c'è ad esempio una Regione con apparentemente pochi casi ma che ha un'alta occupazione delle terapie intensive, quella è una regione in sofferenza".

"Ci sono una serie di strumenti - ha poi ricordato Brusaferro - che ci aiutano a capire come affrontare il rischio. Inoltre il sistema non è così rigido e c'è la possibilità di fare zone rosse anche in una regione che non è rossa". A queste si potrebbe aggiungere la Provincia autonoma di Bolzano che, dal canto suo (anche per il suo status speciale) ha già adottato ulteriori misure restrittive ancor prima dell'approvazione del Dpcm.

"Oggi (giovedì 5 novembre, ndr) non abbiamo dati aggiornati, la cabina di regia li produce su base settimanale e quindi saranno prodotti venerdì o al massimo entro le prossime 48 ore - ha spiegato -. Laddove ho una velocita elevata indicata dall'Rt ed un sistema che mostra segnali di crisi, devo intervenire per invertire il trend, sapendo però che il trend non si inverte immediatamente".