Chiara Ferragni: discorso social sull’essere una donna nel 2020

Chiara Ferragni: discorso social sull’essere una donna nel 2020

La nota fashion blogger, Chiara Ferragni, attraverso il suo profilo ufficiale di Instagram in un video di 11 minuti ha affrontato il tema del femminismo. Addirittura, incalza Ferragni, "ho letto di uomini che hanno ammazzato la propria famiglia, che penso sia il reato più brutto che si possa commettere, di cui si diceva ma era un brav'uomo". Filosofia di una influencer" di Lucrezia Ercoli è stata l'occasione per la 32enne maceratese di discutere sul quotidiano "la Stampa sulla seconda edizione del suo best seller in cui viene fatta un'analisi decisamente controcorrente dell'imprenditrice cremonese e moglie di Fedez, personaggio diventato un modello per milioni di persone in tutto il mondo e capace di far discutere a ogni sua uscita pubblica. Valentina si è limitata a digitare delle emoticon di applausi alle parole dell'ex rivale, ma il gesto non è passato inosservato.

Chiara Ferragni e Fedez sono sempre molto attivi sui social tanto che ne hanno fatto un lavoro ma anche moto presenti nel sociale. Tra questi, anche l'ex fidanzata di Federico che ha prontamente lasciato un suo messaggio.

Ad occuparsi delle decorazioni di casa Ferragnez ci ha pensato il flower designer più amato dalle star Vincenzo Dascanio, noto per essersi occupato di alcuni matrimoni vip come quello della stessa influencer fino ad arrivare alle nozze recenti di Elettra Lamborghini. E su victim blaming e revenge porn fa appello alle donne: "Società maschilista, è ora di cambiare le cose".

"Era un brav'uomo e frasi del genere costituiscono dettagli che in una narrazione non andrebbero fatti perché in questo modo stai già dando un giudizio tu da media" tuona la Ferragni. "Le donne vengono giudicate in maniera differente". Fedez aveva annunciato la sua idea a fine ottobre, spiegando che lui e molti altri artisti avrebbero rinunciato ai fondi di ristoro del governo e che in parallelo si sarebbero messi a disposizione per raccogliere fondi al fine di dare una mano ai lavoratori dello spettacolo.

Poi conclude. "Questa è una battaglia che dobbiamo vivere e combattere tutti noi insieme... per costruire una società migliore per tutti noi e per tutte noi".