Brindisi, morta prematuramente regista Valentina Pedicini

Brindisi, morta prematuramente regista Valentina Pedicini

Valentina Pedicini ci regala il mantello dellinvisibilità.

La polvere scende incessante sui volti, sulle tutte da lavoro, si insinua nei polmoni, arriva dappertutto, impudicamente, ogni cosa è velata, profanata; non c'è riparo, si è esposti impietosamente a una pioggia di terra che ingrigisce i corpi, e il tempo non è più il 'nostro' tempo, è un altro tempo, un tempo 'morto', di morte. Il diploma in regia lo consegue alla Zelig Internation school of documentary. Sensibilità, forza e tenerezza hanno caratterizzato le tue immagini, il tuo cinema, come te, da non dimenticare.

Così la ricorda Donatella Palermo, produttrice di Faith: "Oggi Valentina non c'è più".

L'artista brindisina, 42 anni, era malata da mesi ma nelle sue ultime settimane le sue condizioni si sono aggravate e la regista è stata ricoverata al policlinico Gemelli di Roma. E alla fine del film una donna cammina sull'orizzonte e appare una scritta: E non so passare ora a nuoto la notte | ho fatto qualcosa contro la paura | mi sono seduta a scrivere | per chi vorrà sedersi.

"Valentina non ha passato la notte, ma ha scritto i suoi film", queste sono le parole che la produttrice Palermo ha rilasciato all'agenzia Ansa. "Noi possiamo sederci a guardarli e qualcosa di lei c'è ancora".

Valentina Pedicini nasce il 6 aprile 1978 a Brindisi. "E la notte adesso fa meno paura" (da Faith)". “Faith” ha proseguito con una lunga strada fatta di premi e critiche straordinarie da Berlino a Göteborg, da Vilnius al CPH:DOX di Copenaghen, fino alla presentazione in Italia al Biografilm di Bologna. Nel giugno 2019 vinse il premio di miglior documentario al festival Docs di Barcellona con "Faith". Il documentario "Dal Profondo"(2013) le aggiudica il Premio Solinas e partecipa al Festival di Roma e ai Nastri D'Argento, entrando in cinquina ai David di Donatello. Il suo primo corto, Era ieri, è ambientato a Brindisi e viene proiettato al Festival di Venezia 2016.

Documentarista ed autrice di lungometraggi e cortometraggi, Pedicini era uno dei nomi emergenti del cinema pugliese e nazionale: al Festival del Cinema di Venezia nel 2017, aveva presentato "Dove Cadono Le Ombre" (produzione Fandango e Rai Cinema).