Vaccino Covid, Pfizer annuncia: "Pronto entro novembre"

Vaccino Covid, Pfizer annuncia:

Albert Bourla, chief executive della big pharma newyorkese, in una lettera pubblicata sul sito del gruppo ha voluto prima di tutto fare chiarezza su quali siano i passi fondamentali per introdurlo sul mercato. In secondo luogo e in modo altrettanto importante, bisogna dimostrare che il vaccino sia sicuro, con dati indiscutibili ottenuti sulle decine di migliaia di volontari sani vaccinati.

Abbiamo una data. Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer scrive che se tutto andrà bene presenterà una richiesta per un'autorizzazione di emergenza del vaccino contro COVID-19 nella terza settimana di novembre 2020. Se ne potrà fare a meno quando avremo i primi dati dell'efficacia del vaccino, cioè la composizione tra l'efficacia e la resa nella pratica reale, quando si vedrà quante persone rispondono al vaccino, quanto è intenso e quanto dura.

Così lo scienziato Ranieri Guerra, veronese, vice direttore generale delle iniziative strategiche dell'Oms e componente del Comitato tecnico scientifico a supporto del Governo, anticipa la notizia che il mondo intero aspetta da febbraio: i tempi per il vaccino anti-Coronavirus sono più vicini di quanto annunciato.

"Potremmo sapere se il nostro vaccino è efficace - spiega il Ceo - o meno entro la fine di ottobre".

In Italia il ministro della Salute Roberto Speranza ha anticipato che potrebbero arrivare nella prima trance 2-3 milioni di dosi e che l'idea è di vaccinare prima operatori sanitari e anziani con patologie.

Un punto fondamentale che vorrei chiarire è che l'efficacia soddisferà solo uno dei tre requisiti e, da sola, non basterebbe a richiedere l'omologazione per uso pubblico. Comunicato che comunque poi è stato ratificato e chiarito dallo stesso professore, riportato successivamente da vari mass-media.

L'azienda attualmente stima di raggiungere questo traguardo nella terza settimana di novembre. Il monitoraggio dei partecipanti allo studio proseguirà "per 2 anni", e i risultati verranno diffusi passo passo.

"Pfizer richiederà l'uso dell'autorizzazione negli Usa - conclude l'amministratore delegato di Pfizer - subito dopo il raggiungimento della pietra miliare della sicurezza nella terza settimana di novembre". Il secondo è la sicurezza: il che significa che il farmaco potrebbe essere anche efficace ma non deve presentare il rischio di effetti collaterali tali da renderlo inutilizzabile.