Settembre 2020 più caldo mai registrato a livello globale

Settembre 2020 più caldo mai registrato a livello globale

"A livello mondiale - precisa il servizio scientifico europeo - il mese di settembre del 2020 è stato di 0,05 gradi centigradi più caldo rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, che deteneva il record in termini di temperatura media". Questi gli ultimi dati contenuti nel bollettino mensile di Copernicus, Climate change service (C3s), il programma Ue coordinato e gestito dalla commissione Europea in collaborazione con l'Agenzia spaziale europea. Per le misurazioni si avvale dei dati raccolti dai satelliti "Sentinel" e stazioni di ricerca.

A livello globale ed europeo, il settembre 2020 è stato il settembre più caldo mai registrato, con temperature globali di 0,05° C più calde di settembre 2019, il più caldo mai registrato fino ad oggi.

"E ora è confermato che settembre 2020 è un altro mese da record", 0,63 gradi in più rispetto alla media 1981-2020 di settembre. Nello specifico sono state soprattutto le aree sud-orientali a registrare temperature superiori alla media durante il mese. Temperature insolitamente elevate sono state registrate al largo delle coste della Siberia settentrionale, nel Medio Oriente e in alcune parti del Sud America e dell'Australia. "Sebbene la Siberia e l'Artico registrino grandi fluttuazioni di temperatura di anno in anno - evidenziano i ricercatori - il calore relativo osservato quest'anno è stato insolito per entità e persistenza".

In Europa le temperature medie nello scorso mese hanno superato di circa 0,2 gradi il precedente settembre più caldo del 2018 e sono state di circa 1,8 gradi sopra la media 1981-2010. Il 2019 è il secondo anno solare più caldo con una temperatura di 0,59 gradi sopra la media. Nell'Artico, l'estensione della banchisa è diminuita notevolmente dal 1979, quando sono iniziate le osservazioni satellitari. Tuttavia, come rivela il servizio Copernicus Climate Change Service "dalle serie temporali, livelli simili sono stati registrati più volte negli ultimi due decenni e non sono più considerate insoliti". "La combinazione di temperature record e il basso livello della banchisa artica nel 2020 sottolinea l'importanza di un monitoraggio migliore e più completo in una regione che si riscalda più velocemente che qualsiasi altra parte del mondo".