Orso sbrana domatore: con la mascherina non lo aveva riconosciuto

Orso sbrana domatore: con la mascherina non lo aveva riconosciuto

Russia. In un circo in Russia un orso di nome Yasha ha sbranato un domatore perché "ha dimenticato di togliersi la mascherina" prima di entrare nella gabbia dell'animale, non dando così la possibilità di essere riconosciuto.

Quando Valentin Bulich è stato aggredito sono immediatamente intervenuto gli operai del circo per liberarlo con non poca fatica.

Secondo quanto spiegato dal Great Moscow State Circus, la mascherina anti Covid non avrebbe permesso all'orso di riconoscere il suo addestratore.

Il povero animale, spaventato da un volto che non aveva riconosciuto, a quanto risulta, ha attaccato il suo domatore senza lasciargli via di scampo, strappandogli perfino il cuoio capelluto. L'orso si chiama Yasha, una vera star del circo della capitale russa. Mai nessun problema con il suo domatore, "non aveva mai avuto reazioni violente e nella gabbia entrava solo Valentine". "Bulich ha commesso una violazione delle norme di sicurezza molto grave, non poteva prendere le chiavi" le parole dell'organizzazione: "Una volta entrato in gabbia, l'orso Yasha non l'ha riconosciuto perché coperto dalla mascherina e, per proteggersi, lo ha attaccato fino ad ammazzarlo".

Valentine è stato tirato fuori dalla gabbia con grande difficoltà dagli altri operai del circo. Il tutto è avvenuto al Great Moscow State Circus di Mosca, dove la vittima lavorava come addetto alle pulizie. Ma il coronavirus e l'obbligo di indossare la mascherina imposto dalla direzione del circo, gli è stato fatale.

Tatyana Zapashnaya, dirigente del circo, ha detto: "È molto difficile per noi. Questa è una tragedia, e un dolore che dobbiamo affrontare".

Yasha è anche noto per le sue acrobazie fuori dal circo, e per la sua indole curiosa, soprattutto nei confronti degli umani - ai quali si avvicina spesso.