Nyt: Trump ha un conto corrente in Cina

Nyt: Trump ha un conto corrente in Cina

"Donald Trump - ha proseguito Obama - è incapace di prendere seriamente l'incarico, la sua presidenza è come un reality show".

Il presidente ha attaccato il rivale Joe Biden che "vuole chiudere l'America. Guardate i nostri numeri rispetto a quelli dell'Europa", ha infatti spiegato il presidente Usa.

Ma la campagna elettorale di Trump, oltre ad essere composta da frecciate velenosi scoccate direttamente contro il suo oppositore (o suo figlio), continua a rendere protagonista la Cina e la relativa pandemia che vi è scaturita. E' l'ennesima rivelazione del New York Times, che aggiunge che tre sono in tutto i paesi stranieri in cui il presidente americano ha aperto un conto corrente.

Il New York Times ha scoperto l'esistenza del conto bancario cinese dopo avere ottenuto le dichiarazioni dei redditi di Trump, contenenti dettagli sia delle sue attività personali che di quelle delle sue aziende.

Già nei precedenti articoli, comunque, il quotidiano aveva rivelato che Trump aveva pagato 750 dollari in tasse federali tra il 2016 e il 2017, mentre attraverso il conto bancario cinese era risultato che erano stati pagati 188.561 dollari in tasse locali. Garten ha precisato al New York Times che, per la precisione, è stata la società Trump Organization ad aprire "il conto, presso una banca cinese che ha filiali negli Stati Uniti, e al fine di pagare le tasse" in Cina. Garten ha inoltre insistito sul fatto che, "sebbene il conto rimanga aperto, non è mai stato usato per altri scopi".