Gattuso: "Contro la Juve ce la saremmo giocata. Sono inc..."

Gattuso:

Si gode il successo sull'Atalanta, Rino Gattuso, ma il pensiero sulla gara non giocata di Torino c'è, e fa male: "Ho rosicato tanto, sono il più inc. di tutti". Volevamo giocare, la Juve è la squadra da battere ma è un cantiere aperto, ce la saremmo giocata. "Quando ho parlato con la società sono rimasto che la partita si doveva giocare, tranquillamente". Arrabbiato perché non ci hanno fatto partire, alle sette meno cinque eravamo sul pullman. "Sono stato zitto per il covid, non i social, sono all'antica, ma posso dire che siamo arrabbiati". Ultimo passaggio su Osihem e Koulibaly: "Osimhen - dice Gattuso - ci ha aiutato molto".

Mi è piaciuta l'interpretazione, anche nella riconquista palla in alto. Gli azzurri schiantano 4-1 l'Atalanta segnando il poker nel primo tempo. Abbiamo sofferto, preso dei gol evitabili in pochi minuti. Ora dobbiamo pensare a cosa non siamo riusciti a fare e interpretare questa sconfitta come un campanello d'allarme. Il tecnico non si dice preoccupato in particolare della difesa, arrivata a9 gol subito in 4 partite di campionato: "Io non ho mai detto che lotteremo per lo scudetto. Oggi abbiamo avuto dei problemi globali", ha concluso. Giocando ritroverà la miglior condizione.