Covid, Ministro Speranza: "Nelle prossime ore valuteremo nuove restirzioni"

Covid, Ministro Speranza:

Per farlo dovrà intervenire con restrizioni nelle attività quotidiane dei cittadini, quelle legate a svago e tempo libero. Anche in caso di positività sarà comunque "libero": studi internazionali, sottolineano dal Cts, affermano infatti che dopo 20 giorni la carica virale è talmente bassa che il soggetto non è più in grado di infettare. "La Sicilia non è più la regione legata a pregiudizi a volte improntati al razzismo da parte di alcune testate giornalistiche, ma una terra che ha dimostrato e dimostra di avere una sanità di qualità e che si candida ad essere hub nel Mediterraneo in termini di ricerca e qualità di servizi per dare riposte a un mondo che bussa all'Europa". Vediamo nel dettaglio quali saranno le nuove disposizioni per combattere l'emergenza sanitaria. Per uscire dal periodo di isolamento basterà un solo tampone negativo. Nell'annunciare le nuove misure, il Ministro confida nel buon senso della popolazione: "Io sono convinto che la stragrande maggioranza delle persone seguirà le indicazioni come avvenuto durante il lockdown". Ci sono stati degli interventi importanti che hanno creato condizioni di un ritorno alla normalità. "In Francia, ad esempio, è già di 7 giorni".

"Come si fa a vietare una festa privata in casa?" "Si abbassa la guardia e ci si toglie la mascherina", ha spiegato Speranza. Qualsiasi cosa non è prioritaria va gestita in maniera più restrittiva e per le le feste private scatta il divieto rispetto ad altri eventi perché non ci può essere un protocollo per tutto. Lo conferma tra le linee lo stesso ministro: "Ci saranno misure ponderate ma non paragonabili a quelle vissute in passato".

Speranza ha annunciato anche interventi sugli sport dove non è possibile usare mascherine o mantenere le distanze. La norma attualmente in vigore consente la presenza di mille persone all'aperto e di 200 al chiuso e l'idea era quella di dimezzare questi numeri. L'obbligo scatta invece per chi fa una passeggiata. Per i runner dunque non cambia nulla. Evitare gli assembramenti è uno dei principali obiettivi dichiarati dal ministro Speranza, che anticipa anche una stretta sugli orari dei locali. Proveremo a incidere su situazioni della vita delle persone che non sono fondamentali.