Trovati i segni della vita su Venere

Trovati i segni della vita su Venere

Per John Robert Brucato, esobiologo dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), "la fosfina ha una sua valenza nella ricerca della vita nello spazio: potrebbe, infatti, essere l'impronta digitale della presenza di qualche microrganismo che in atmosfera venusiana produce la fosfina come scarto".

La fosfina è una molecola tossica con un odore persistente di aglio e pesce morto. La rilevazione della presenza di molecole di fosfina, formate da idrogeno e fosforo, potrebbe indicare adesso la possibilità di questa vita "aerea" extra-terrestre. Secondo gli autori dello studio questa molecola composta da un atomo di fosforo e tre di idrogeno si trova tra le nubi di Venere con una bassa concentrazione.

Le quantità di fosfina osservate nell'atmosfera di Venere - è stato spiegato - sono tali da non poter essere state prodotte da processi abiotici.

Gli astronomi hanno verificato questi processi ma nessuno può produrre abbastanza fosfina. Gli autori hanno calcolato che queste sorgenti non biologiche producono al massimo una piccola quantità di fosfina rispetto a quella rilevata dai telescopi.

L'idea della presenza di forme di vita su Venere è un'idea un po' inaspettata. "Sono necessarie ulteriori osservazioni e modelli per esplorare l'origine della fosfina nell'atmosfera di Venere". A darne annuncio in un articolo pubblicato su Nature Astronomy il gruppo di ricerca guidato da Jane Graves.