Nero a metà 2, anticipazioni nuova puntata: trama giovedì 24 settembre

Nero a metà 2, anticipazioni nuova puntata: trama giovedì 24 settembre

Prosegue su Rai 1 l'appuntamento con Nero a metà 2, la fortunata fiction del giovedì sera con protagonista Claudio Amendola, di cui il 24 settembre verrà trasmessa la terza puntata in prima visione assoluta.

Nero a metà e segue le vicende dell'ispettore Carlo Guerrieri, interpretato da Claudio Amendola, poliziotto amato dalla sua squadra ma decisamente incline ad aggirare le regole, e il suo collega Malik Soprani, ispettore di colore professionale ed intelligente innamorato della figlia di Carlo, Alba, capace medico legale che spesso si occupa delle perizie per il commissariato di Rione Monti. A seguire tutte le anticipazioni, aggiornate episodio per episodio.

Scompare un ragazzo. I suoi vestiti vengono ritrovati nel...

I compagni di classe verranno subito ascoltati dalla polizia e si scoprirà che il povero malcapitato era vittima di atti di bullismo. Un accumulatore seriale viene ucciso nel suo appartamento. Per risolvere il caso risulta fondamentale il contributo della psicologa che seguiva da tempo il disturbo dell'uomo. Tra lei, Monica Porta, e Malik scatta un feeling immediato, non solo lavorativo.

Il team, inoltre, avrà la conferma del fatto che la morte di Olga e Paolo sia frutto della stessa mano. Nel frattempo, poco distante, avviene un incidente: ancora un SUV uccide l'agente Paolo Moselli, figlio della collega Marta. Si fa consegnare da Marta il cellulare e il computer del figlio e li affida ad Olga per avere un resoconto.

Nella seconda puntata di Nero a Metà 2, il ritrovamento del cadavere di Olga turba profondamente tutta la squadra. Molti indizi di colpevolezza conducono a Muzo che si proclama innocente, pur non nascondendo di aver asfissiato la moglie con la sua gelosia. Malik, a conoscenza di questi litigi frequenti, non gli crede. Dall'altro lato, invece, viene ritrovato un cadavere senza documenti sulla rive del Tevere, una donna senza fissa di dimora, ma chi poteva volerla morta?