Massimo Giletti e Selvaggia Lucarelli, è guerra : "Gira le palette a Ballando"

Massimo Giletti e Selvaggia Lucarelli, è guerra :

Botta e risposa al veleno fra Massimo Giletti e Selvaggia Lucarelli dopo le dichiarazioni di quest'uultima che ha spiegato le motivazioni per cui non va ospite a Non è l'Arena. Quindi nel futuro non escludo nulla. Ma fino al 30 giugno, ha precisato, si concentrerà sulla tv: "Per me fare tv in questo modo già significa fare politica". Nelle ultime ore il conduttore si è fatto sentire da più parti, in vista del ritorno su La7 di Non è l'arena, questa domenica, 27 settembre. Giletti ha esternato la sua amarezza per la solitudine in cui, spiega, è stato lasciato dai colleghi nella sua inchiesta sulle scarcerazione dei mafiosi. La vicenda ha portato alle dimissioni del presidente del Dipartimento dellìamministrazione penitenziaria Francesco Basentini per lo scandalo delle scarcerazioni facili dei boss. Il giornalista dopo che ha riferito di situazioni molto gravi ha ricevuto minacce da boss che sono in carcere, tanto che il magistrato titolare dell'inchiesta ha deicso di dargli una scorta.

Ma non si parlerà soltanto di mafia: "Non smetteremo di occuparci di Covid, nella prima puntata faremo parlare per la prima volta Flavio Briatore, guarito dal virus, e daremo spazio alle polemiche tra virologi". Anche i politici hanno detto: 'Vado a vivere in Africa e non ci sono andati'. Da luglio Giletti è stato messo sotto scorta a causa delle minacce da parte del boss Filippo Graviano, parole che erano venute alla luce grazie alle intercettazioni effettuate nel pieno della pandemia da Coronavirus. In che Paese stiamo vivendo? "Anche non avere un messaggio da persone che pensavo mi fossero vicine". Qui non c'entra Giletti, qui c'entra il Paese.

Massimo Giletti Selvaggia Lucarelli
Massimo Giletti torna con Non è l’Arena: “Vivo in mezzo ad una tempesta”

"Quest'anno è stato umanamente durissimo: ho perso mio padre, ora mi occupo anche dell'azienda di famiglia con i miei fratelli; sono finito sotto scorta, ma devo ringraziare il mio editore Urbano Cairo perché difficilmente avrei potuto fare questa battaglia in un'altra rete". Quando sei isolato, diventi pericolosamente un obiettivo.

Un periodo difficile per il conduttore che ha dovuto accettare tale situazione e che ha rivelato di sentirsi molto solo in questa storia.