Google Maps adesso vi dice anche dove sono i focolai di COVID-19

Google Maps adesso vi dice anche dove sono i focolai di COVID-19

Google Maps mostrerà la media esatta dei casi avuti negli ultimi 7 giorni per ogni 100 mila abitanti: a seconda del colore mostrato l'utente potrà intuire il grado di pericolo di una determinata zona, con tanto di schede informative che avranno cura di analizzare la crescita o la diminuzione dei contagi.

Sarà possibile usufruire della novità, come annunciato sul blog della piattaforma, a partire da questa settimana, sia su iOS che su Android. Per attivare la funzione bisognerà selezionare il nuovo "strato", proprio come si selezionano le immagini satellitari, la mappa dei rilievi e dei trasporti pubblici. La nuova feature consente di visualizzare sul display dello smartphone, del tablet, o di altri dispositivi i nuovi casi di Covid-19 che sono stati rilevati nelle aree prese in esame.

Le zone verranno quindi suddivise per etichette di colori, e classificate per possibilità di rischio contagio. Al momento non è ancora presente in Italia, ma arriverà presto in tutti i 220 paesi supportati dal servizio. Le zone grigie e gialle sono le più sicure, perché indicano rispettivamente 1 caso e fino a 10 casi ogni 100mila abitanti; ci saranno poi le zone arancioni che indicano fino a 20 casi, le zone arancione scuro che indicano fino a 30 casi, le zone rosse che stanno a significare fino a 40 casi, e infine le zone rosso scuro, ossia le più rischiose perché si sono verificati oltre 40 contagi ogni 100mila abitanti.

Per fornire queste informazioni Google attingerà a dati ufficiali di autorità nazionali ed internazionali come WHO (l'Organizzazione Mondiale della Sanità), i ministeri della Sanità nazionali e le aziende sanitarie locali, includendo gli ospedali cittadini.

La nuova funzione affianca ai dati rilevati anche dati storici, lo fa in maniera molto intuitiva: visivamente. Google maps è molto facile da usare e può essere usato anche con i comandi vocali, il che lo rende perfetto per essere utilizzato mentre ci si trova alla guida.