Coronavirus, azienda italiana realizza test salivare super rapido

Coronavirus, azienda italiana realizza test salivare super rapido

Il nuovo test, ribattezzato Daily Tampon, infatti, è stato realizzato dalla Allum, un'azienda brianzola di Merate (Lecco), in collaborazione con l'Università degli Studi del Sannio. Il test ora dovrà passare al vaglio del Ministero della Salute per poi partire con la produzione. Si prende un campione di saliva con un cotton-fioc, si appoggia quest'ultimo sul tampone e in soli tre minuti, grazie all'utilizzo congiunto di tre reagenti, il tampone restituisce il risultato: si è positivi se compaiono due strisce, negativi una.

Gli esperti guardano con speranza e attenzione a questo tipo di test che, se si dimostreranno affidabili, potrebbero risultare di grande aiuto in settori delicati quali, ad esempio, la scuola, come ha spiegato pochi giorni fa al "Corriere" Eleonora Lalle, un dirigente biologo del laboratorio di Virologia dell'Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani: quella della saliva "sarebbe una modalità di raccolta più facile e meno invasiva rispetto al tampone".

"Da 40 anni realizziamo sistemi di iAllumlluminazione - ha dichiarato a "Il Sole" la titolare Stefania Magni a PrimaMerate - a inizio anno stavamo progettando lampade che potessero sanificare gli ambienti dal virus, ma ci siamo resi conto che diventava un'operazione troppo lunga e onerosa".

Solo tre minuti e sai se sei positivo al coronavirus.

Da parte sua il ministero della Salute sottolinea che il test non ha ricevuto ancora il via libera e che la ricerca su tutti i tipi di test rapidi, compreso quello salivare, va avanti. "Si tratta di un'azione di routine che si verifica ogni volta che c'è una potenziale reazione inspiegata in uno dei test", cosa che consente di "indagare e assicurare allo stesso tempo il mantenimento dell'integrità del processo dei test", aggiunge AstraZeneca.