Eurozona, calo record del Pil, -12% nel secondo trimestre

Eurozona, calo record del Pil, -12% nel secondo trimestre

I dati domestici si aggravano utleriormente se paragonati allo stesso trimestre del 2019: Spagna (-22,1%), Francia (-19%), Italia (-17,3%), Portogallo (-16,5%). Il bilancio complessivo è stato del -12,1% nell'Eurozona e del -11,9% nell'Ue.

"Rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente, il PIL destagionalizzato è diminuito del 15,0% nell'area euro e del 14,4% nell'UE nel secondo trimestre 2020, dopo delle contrazioni del -3,1% e -2,5% rispettivamente nel trimestre precedente. Questi sono stati anche i declini di gran lunga più marcati dal 1995", ha detto il comunicato.

Se può consolare, anche l'economia francese è stata gravemente colpita, facendo peggio pure dell'Italia, con un calo del Pil nel secondo trimestre del -13,8%.

L'indice dei principali prezzi invece ha registrato un +1,2%.

L'inflazione nel mese di luglio è stimata in crescita dello 0,4%, con un lieve aumento rispetto allo 0,3 di giugno.