Covid, in Sardegna 6 migranti positivi: cresce l’allerta

Covid, in Sardegna 6 migranti positivi: cresce l’allerta

La conferma dei nuovi casi è arrivata a tarda sera dall'Ats quando sono pervenuti i risultati sui tamponi effettuati a tutti gli algerini arrivati sull'isola. Sono oltre cento i migranti sbarcati da domenica, tra questi anche due donne. Quest'ultimi sono stati scortati da polizia e carabinieri nel centro di Monastir dove prenderanno alloggio. Vengono sottoposti a visite mediche, quindi anche al tampone, e vengono messi in quarantena immediatamente.

Non manca la polemica politica. Per Zoffili trasferire i migranti nelle strutture è un rischio per la salute dei sardi: "Devono rimanere a Monastir, inoltre Lamorgese deve fare di tutto per fermare gli sbarchi dall'Algeria". Nel mese di luglio, in Sardegna, sono emersi complessivamente 5 casi di profughi arrivati con l'infezione pandemica che vanno ad aggiungersi a questi segnalati giorno 31 luglio. Nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale si registrano sei casi positivi, cinque nella provincia del Sud Sardegna (un migrante arrivato nell'isola nei giorni scorsi e quattro residenti, appartenenti allo stesso nucleo familiare rientrato nell'Isola dalla Spagna) e uno nella provincia di Sassari. Resta invariato il numero delle vittime, 134. I pazienti ricoverati in ospedale sono 3, nessuno in terapia intensiva, mentre 30 sono le persone in isolamento domiciliare.