Conte ci scherza: "Più facile spostare il Duomo che portare Messi all'Inter"

Conte ci scherza:

Abbiamo giocato contro un'ottima squadra, che negli ultimi anni è sempre stata l'antagonista di chi ha vinto lo scudetto - sottolinea Fcinternews.it -.

"In settimana abbiamo parlato dopo la partita di Genova e volevamo vincere per restare al secondo posto".

STAMPA - "A me sembra di essere molto onesto e corretto quando parlo, penso che a volte l'onestà e la correttezza diano fastidio".

Mal che vada ce ne andremo al mare...in effetti ci andremo comunque, nella speranza che si comprenda pienamente che il virus è ancora presente e si sta mostrando in tutta la sua pericolosità, altrimenti a settembre ci ritroveremo chiusi in casa e dovremo ri-sorbirci un altro campionato a porte chiuse...che Dio ce ne scansi! "Quando si raccontano ad arte alcune cose solo per attaccare la mia persona non mi piace". "E' più facile spostare il Duomo che portare Messi a Milano". "Ma nel primo tempo l'Inter ha cominciato meglio e sull" asse degli ex calciatori dello Stabia Biraghi e D'Ambrosio passa in vantaggio con un gol del difensore vesuviano, costringendo poi alla fine ad un grande intervento Meret su tiro da fuori di Brozovic. Con questo 2-0, i nerazzurri riescono nel controsorpasso sull'Atalanta (vincente oggi per 1-2 a Parma) tornando al secondo posto in attesa dello scontro diretto di sabato. Merito a noi, che abbiamo fatto una buonissima partita. "Cerchiamo di concentrarci e poi penseremo al Getafe".