Castellammare, carabiniere massacrato: intervenuto per sedare la rissa

Castellammare, carabiniere massacrato: intervenuto per sedare la rissa

Il militare è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia.

I carabinieri della compagnia di Castellammare e del Nucleo investigativo di Torre Annunziata hanno arrestato 4 persone, 3 maggiorenni (di 27, 22 e 19 anni, di cui 2 pregiudicati) e un minorenne (di 17 anni), ritenuti responsabili di aver aggredito un appuntato dei carabinieri la scorsa notte a Castellammare di Stabia (Napoli). Preso a calci e pugni dal branco, picchiato con un casco e poi una sedia ha perso conoscenza: le ferite gli hanno provocato una seria emorragia che lo ha costretto al ricovero in ospedale. Ha riportato tumefazioni ed ecchimosi su tutto il corpo.

In particolare, grazie all'analisi dei sistemi di videosorveglianza e alle ricostruzioni testimoniali, è stata individuata una parte del gruppo di aggressori, che, irritati dall'intervento del militare, lo hanno colpito sino a lasciarlo a terra privo di coscienza. Dovrà restare in osservazione per le prossime 48 ore e ha ricevuto una prognosi di 25 giorni. Intervenuto, l'uomo si è qualificato e ha cominciato a raccogliere gli estremi dei presenti e a fare foto con il telefonino per ricostruire la dinamica del tamponamento. Il 118 ha impiegato quasi mezz'ora per arrivare.

Secondo quanto ricostruito fino ad ora da un'indagine di polizia e carabinieri (entrambi intervenuti sul luogo dell'aggressione), il militare fuori servizio si trovava nella zona di movida della Villa Comunale a Castellammare di Stabia, all'altezza di Cassa Armonica. Nelle ultime due settimane sono già tre le aggressioni di rilievo: la prima in via Fosso della Luna dove dei ragazzini under 14 sono stati protagonisti di una rissa dopo una partita di calcetto.