Test del sangue sperimentale identifica cinque tumori con 4 anni di anticipo

Diventerà un esame di routine, un controllo che può salvare una vita: un semplice prelievo del sangue potrà stabilire con quattro anni di anticipo se potranno manifestrasi cinque tumori ad oggi ritenuti quasi del tutto incurabili.

Un esame del sangue sperimentale è in grado di identificare la presenza di cinque tipologie di tumori con ben quattro anni di anticipo rispetto alle tecniche diagnostiche tradizionali. La tecnica, chiamata PanSeer, sarebbe in grado di riconoscere precocemente nel 91% dei casi i tumori di stomaco, esofago, colon retto, polmoni e fegato in persone senza sintomi, e in futuro potrebbe entrare nella routine delle analisi di controllo.

A mettere a punto il test sperimentale, chiamato PanSeer, è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati dell'Istituto per la Medicina Genomica dell'Università della California di San Diego, che hanno collaborato con i colleghi dell'Università di Fudan (Cina), della società Singlera Genomics di Shanghai e di altri istituti.

Coordinata da Kun Zhang, dell'Università della California a San Diego, il test promette di avere importanti ricadute sulla sopravvivenza dei malati di tumore grazie alla diagnosi molto precoce, che permette di intervenire con farmaci o con la chirurgia quando il tumore è gli inizi della sua formazione. Quelli che il test va a ricercare sono i segnali, estremamente precoci, di un cambiamento in atto nel modo in cui si replica il Dna.