Stato d'emergenza covid fino a dicembre, il Governo pronto a continuare

Stato d'emergenza covid fino a dicembre, il Governo pronto a continuare

Lo ha anticipato il premier Giuseppe Conte parlando ai giornalisti a margine della cerimonia generale del Mose. "Non vi dovete sorprendere - ha detto il premier in conferenza stampa - se ls decisione sarà di prorogare lo stato di emergenza".

Il governo italiano ha dichiarato lo stato di emergenza durante il Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020. L'ombrello dello stato d'emergenza conferisce alla Protezione civile un ruolo ancora più centrale.

Al 31 luglio, data di scadenza dell'attuale stato di emergenza ma anche dell'ultimo Dpcm, se non verranno prorogate da un provvedimento ad hoc decadrebbero automaticamente tutti i provvedimenti ancora in vigore, dall'uso delle mascherine obbligatorio negli ambienti chiusi al distanziamento sociale alla quarantena.

D'altra parte si dice favorevole Forza Italia. Le procedure semplificate previste dallo stato di emergenza hanno dato finora agio alla Protezione civile di provvedere all'acquisto di dispositivi di protezione ed altri materiali e serviranno ora alla struttura commissariale di Arcuri per acquisire rapidamente tutto quello che serve alle scuole per la ripartenza.

"La proroga dello stato di emergenza annunciata dal presidente Conte ci appare come una necessità condivisibile. Ciò che non permetteremo è che a questa proroga corrisponda un'ulteriore esclusione del Parlamento dalle decisioni vitali per il Paese". "Per questo motivo - ribadisce il deputato Pd - ci attendiamo che venga a esporre preventivamente le sue ragioni". Il vice presidente del Senato la definisce "una porcata" e ha l'impressione che "si utilizzi una calamità come il virus per mettere il bavaglio all'opposizione".

Invece Matteo Salvini, leader della Lega protesta: "Allungarlo?" Lo stato d'emergenza permette semplicemente una serie di norme in maniera più rapida, cioè consente di emanare provvedimenti relativi all'emergenza in deroga alle norme vigenti.

"Allungarlo? No grazie. Gli Italiani hanno dimostrato buon senso, meritano fiducia e rispetto, adesso vogliono vivere, lavorare, amare".