Ryanair perde 185 milioni in un trimestre: colpa della pandemia

Ryanair perde 185 milioni in un trimestre: colpa della pandemia

La pandemia con l'azzeramento degli spostamenti presenta il conto alla compagnia low-cost Ryanair, che ha chiuso al 30 giugno "il trimestre più difficile" della sua storia ormai ultra-trentennale. La compagnia low cost irlandese ha chiuso il primo trimestre (aprile-giugno) del suo anno fiscale con un rosso di 185 milioni di euro rispetto ad un utile netto di 243 milioni dell'anno precedente con la paralisi del traffico aereo.

Ryanair ha aggiunto che l'attuale incertezza significa che non è in grado di fornire alcuna guida per il 2021."Tuttavia, il gruppo Ryanair emergerà dalla crisi di Covid-19 con una base di costi molto più bassa, che sarà essenziale per finanziare tariffe più basse poiché il gruppo compete con vettori di bandiera con aiuti di Stato illegali". "Non è possibile prevedere quanto a lungo persisterà la pandemia - scrive l'azienda in un comunicato - e la nostra paura principale al momento è quella di una seconda ondata in Europa nel tardi autunno, quando comincia la stagione influenzale". Il 1 ° luglio, il gruppo Ryanair ha ripreso i voli sulla maggior parte della sua rete e stima di raggiungere nel mese in corso una operatività di circa il 40% del normale in aumento a circa il 60% ad agosto e al 70% a settembre. La scorsa settimana, Ryanair ha fatto sapere che chiuderà una serie di scali in Germania.

Il traffico per il 2021 scenderà del 60%, conclude la nota, toccando quota 60 milioni di passeggeri, da 149 milioni che erano.