Myanmar, frana in una miniera di giada. Almeno 113 i morti

Myanmar, frana in una miniera di giada. Almeno 113 i morti

Le miniere sono sfruttate massicciamente.

Tragedia questa mattina in Myanmar, dove decine di persone, almeno 113, sono morte per una frana che ha colpito una miniera di giada nel nord del Paese, nella regione di Hpakant. Secondo un funzionario locale, U Dollar. Inoltre, a causa delle forti piogge, l'intervento dei soccorritori è stato interrotto.

A seguito delle precipitazioni incessanti, è franata un'intera miniera nel Myanmar. L'ultimo bilancio fornito dall'Ansa parla di 113 vittime.

Un'ondata di fango innescata dalla forte pioggia ha inghiottito quelli che raccoglievano le pietre, hanno detto i vigili del fuoco. Ma si tratta di un evento non del tutto imprevisto. Secondo alcuni gruppi ambientalisti, tra cui Watchdog Global Witness, i proventi della vendita di preziosi sono appannaggio dei vertici dell'esercito e di esponenti vicini alla giunta militare che per decenni hanno gestito il potere nella ex Birmania.

Gli scavi nelle miniere di giada, molto profondi a cielo aperto, hanno provocato la nascita di bacini che durante i monsoni si riempiono di acqua e sono sottoposti a crolli delle ripide pareti che li circondano, su terreni spogli non trattenuti dalla vegetazione.