La donazione di Greta Thunberg alle popolazioni povere dell'Amazonia

La donazione di Greta Thunberg alle popolazioni povere dell'Amazonia

Una delle persone maggiormente critiche nei confronti del vertice europeo è stata l'attivista svedeseGreta Thunberg, che ha approfittato della situazione per rilanciare le sue accuse alle istituzioni in materia di inquinamento e di sostenibilità.

Thunberg: "Stanno ancora negando e ignorando il fatto che stiamo affrontando un'emergenza climatica, e la crisi climatica non è ancora stata trattata come una crisi". Ad annunciarlo la stessa giovane ambientalista svedese attraverso attraverso i suoi profili social.

La somma corrisponde a quanto ricevuto insieme al Premio Gulbenkian per l'Umanità.

Da alcuni commenti sulla sua pagina Twitter Greta critica fortemente la mancanza di un impegno chiaro e definito delle istituzioni internazionali nella lotta all'emergenza climatica, riferendosi in particolare ai leader dell'Ue e al recente vertice del Consiglio Europeo, che non ha elaborato un piano concreto nella lotta alla crisi climatica.

Da Leonardo di Caprio, che da anni si batte per le questioni ambientali, a Joaquin Phoenix, l'attore di del film Joker che ha recentemente collaborato a una nuova e importante campagna contro i maltrattamenti animali e gli allevamenti intensivi.

100 mila € vanno al fondo per l'Amazzonia e a una associazione dal nome Sos Amazonia fondata dal movimento iFridays for Future Brazil che si occupa di fornire aiuti concreti e sostentamento alle popolazioni colpite dal Covid-19 in quella zona del mondo. Alla diciassettenne svedese le si riconosce la capacità di coinvolgere anche migliaia di giovani di tutto il mondo nella sua causa, che dovrebbe essere la causa di tutti. Al contempo la giovane ambientalista ha lanciato anche una raccolta fondi a supporti dell'UNICEF per affrontare l'emergenza Covid-19.