Hong Kong: Salvini-Giorgetti, 'ambasciata Cina non faccia paragoni con Italia'

Hong Kong: Salvini-Giorgetti, 'ambasciata Cina non faccia paragoni con Italia'

Il Flash mob della Lega per Hong Kong ha provocato il "forte disappunto" cinese. "Le respingiamo esprimendo il nostro forte scontento e disappunto", ha scritto in un comunicato attribuito al portavoce dell'ambasciata. Matteo Salvini in un'intervista a La Stampa delinea lo scenario europeo che potrebbe trovarsi ad affrontare se l'Italia dovesse attingere al fondo salva-Stati.

Per il responsabile del dipartimento Esteri del partito Giancarlo Giorgetti, "l'ambasciata fa addirittura riferimento ai Decreti sicurezza, pur senza citarli espressamente: ricordiamo che in Italia le leggi sono approvate da un Parlamento democraticamente eletto e non ratificate dall'Assemblea nazionale del popolo piegata al Partito comunista".

Di conseguenza, l'accusa è quella di doppiopesismo.

Secondo il diplomatico cinese, essa dimostra le esigenze connaturate al principio "un Paese, due sistemi" e garantirà l'attuazione costante e sostenuta di questa importante politica.

Salvini ha affermato che ce ne saranno diversi ancora campi rom che visiterà e che spera di "chiuderli tutti con il lucchetto". "Nessuno deve sottovalutare la ferma determinazione del governo cinese e di 1,4 miliardi di cittadini cinesi nel tutelare la sovranità, la sicurezza e lo sviluppo nazionale".