Governo da trivial pursuit. Giorgia Meloni ridicolizza Conte

Governo da trivial pursuit. Giorgia Meloni ridicolizza Conte

Poi si passa ai toni di battaglia, tanto sul fronte giudiziario (l'appuntamento è per il 3 ottobre, quando il Tribunale di Catania lo sentirà sul caso Gregoretti) quanto su quello politico (la Roma di Virginia Raggi viene presa ad esempio delle amministrazioni locali da cambiare).Sul palco, nessuno dei leader spende una parola sul Mes: si sa che Lega e FdI sono strenuamente contrarie, gli azzurri non avrebbero problemi a dare via libera. Nella piazza, interrogato dai giornalisti, il vicepresidente di Forza Italia ribatte sostenendo che in realtà il governo rischierebbe di cadere proprio perché "FI ha una posizione molto chiara, che mette in difficoltà il governo Conte". "La libertà è alla base di questa piazza e della nostra proposta di futuro. E dall'altra parte c'è l'entusiasmo di chi ha voglia di tornare a Milano". "Mi fido totalmente di Berlusconi", ha affermato Salvini che ha voluto rimarcare la vicinanza della coalizione agli Stati Uniti. Frecciate e fake news, poi, sono state rivolte alla ministra dell'Istruzione: "L'Italia manca di un ministro della scuola e la signora Azzolina non può essere un ministro per le nostre famiglie. Una persona che pensa di dividere con plexiglass bambini di 6 anni non è un ministro adatto". Dopo tante dispute e dopo la gaffe del pubblico che ha risposto in modo sbagliato ad una domanda retorica da parte del leader della Lega, come vi abbiamo riportato stamane con un approfondimento nato dalla diretta del comizio, gli esponenti di Fratelli d'Italia avevano ottenuto l'ampliamento della capienza di Piazza del Popolo, arrivando a circa 4000 presenze consentite.

Esaminando nel dettaglio alcuni video relativi alla manifestazione di Salvini e Meloni a Roma del 4 luglio, come quello di Repubblica che trovate a fine articolo, si potrà notare come ci siano tantissimi posti vuoti mai occupati. Esiste già una misura di ricovero coatto per chi diffonde epidemie, il quale potrebbe essere punito fino all'ergastolo: è prevista dal codice penale ed è applicata anche in questi mesi per chi si allontana dalla quarantena, osserva all'Ansa Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di polizia Coisp, a proposito della richiesta del governatore del Veneto, Luca Zaia per il trattamento sanitario obbligatorio ai positivi al coronavirus che rifiutano il ricovero. "Ma il rischio di contagio quando Conte fa le sue passerelle non c'è, se si manifesta contro il governo sì". "Ma è ovvio che noi siamo alternativi alla sinistra". L'ultimo a parlare è Matteo Salvini, che continua ad accarezzare il sogno di un crollo della maggioranza giallo-rossa, con la possibilità di varcare presto il portone di palazzo Chigi da presidente del Consiglio.