Dopo cinque giorni di terrore, acciuffato il Rambo della Foresta Nera

Dopo cinque giorni di terrore, acciuffato il Rambo della Foresta Nera

La polizia ha avvertito anche i cittadini e gli aerei di evitare l'area e intimato ai conducenti locali di non dare passaggi agli autostoppisti.Il Rambo della Foresta Nera, chiamato così in onore di John Rambo, veterano di guerra del Vietnam in fuga dalla polizia americana interpretato da Sylvester Stallone nel film di Ted Kotcheff del 1982, era noto alla polizia per reati precedenti, incluso possesso illegale di armi.

Stoccarda - Dopo una caccia all'uomo durata cinque giorni, il "Rambo della foresta nera" è stato arrestato dalla polizia tedesca. Durante le operazioni per catturarlo sarebbe rimasta ferita una persona, secondo la Bild. Aveva lasciato a una coppia di ristoratori un manifesto in cui accusava la vita di città di essere meccanicizzata, in opposizione a quella nella natura. Stando a quanto si apprende da una prima ricostruzione, la caccia è terminata poco fa con l'arresto di Yves Rausch, questo il nome del 31enne. Il testo era stato pubblicato dalla Bild, che lo aveva definito "delirante". L'uomo inizialmente si è mostrato collaborativo ma poi ha improvvisamente puntato una pistola contro gli ufficiali, minacciandoli e costringendoli a consegnargli le armi di servizio.

Dopo aver sottratto le armi agli agenti, Yves Rauch è scappato nella foresta nera. Per aiutare le ricerche era stata anche diffusa una foto dell'uomo, rasato a zero e con baffetti e pizzo. "Sono contento che l'incubo sia finito". L'uomo non aveva più una dimora stabile dopo lo sfratto dalla sua casa a Oppenau (Stoccarda).

Ora la sua prossima casa con ogni probabilità sarà il carcere: per i media tedeschi rischia dai 5 ai 15 anni di detenzione.