Dl rilancio, ok a bonus per acquisto auto euro 6

Dl rilancio, ok a bonus per acquisto auto euro 6

L'appuntamento per l'inizio della discussione nell'Aula della Camera della conversione in legge del decreto Rilancio era fissato per il 3 luglio; invece venerdì si terrà una nuova seduta della conferenza dei capigruppo per calendarizzare la discussione in Aula. È quanto previsto da un emendamento al Decreto Rilancio su cui il Governo Conte avrebbe trovato l'intesa. Un ridimensionamento dei prezzi e un aiuto economico pubblico che dovrebbe dare il via ad una ripresa fin troppo importante dopo gli ultimi mesi di pesante ribasso (-49,6% solamente a maggio, -50,45% da gennaio).

Tanto da aver indirizzato la discussione in corso nella stessa commissione Bilancio finalmente verso un accordo sostanziale tra le forze politiche.

Per le auto ibride con emissioni comprese fra i 21 e i 60 grammi/km si passa dagli attuali 2.500 euro a 6.500 euro. A questa cifra se ne aggiungerebbero ulteriori 2mila, a disposizione del venditore (in pratica, quest'ultimo deve proporre lo sconto), nel caso di rottamazione di un veicolo con oltre 10 anni di età (senza rottamazione l'incentivo è dimezzato).

La volontà del Movimento Cinque Stelle è infatti quella di vedere affiancata questa misura agli Ecobonus già in vigore.

Bonus Auto 2020: si arriva a 10.000 euro di sconto, le novità
Detrazioni fiscali: incentivi per acquisto auto Euro 6. Importo e requisiti

Sulle auto il frutto della mediazione di maggioranza dovrebbe portare a un rafforzamento degli incentivi per ibride ed elettriche, accompagnato da un bonus per la rottamazione (si ragiona su massimo 3.500 euro) anche per chi acquista una auto nuova euro6 a benzina o diesel.

Il bonus rottamazione di 4mila euro è concesso quindi, a fronte della rottamazione di un veicolo vecchio, se si decide di acquistarne uno nuovo che sia di categoria Euro 6. Il bonus sarebbe valido per tutti gli acquisti effettuati tra il prima agosto e il 31 dicembre 2020: fondamentale, però, che l'auto prescelta abbia un tasso di emissioni compreso tra 61 e 110 g/km e un costo non superiore ai 40mila euro al netto dell'Iva. L'incentivo potrebbe essere utilizzato anche senza la rottamazione di vecchie auto, in modo da favorire la crescita della domanda.

Si tratterebbe di un aiuto temporaneo - magari non per tutto il 2020 - a un settore che ha subito più di altri la crisi innescata dall'epidemia da Coronavirus, in attesa di un intervento più ampio con la legge di Bilancio in autunno. Questo incentivo sarà attivo dal 1 agosto 2020 e andrà avanti fino al 31 dicembre 2020, nella speranza che arrivino nuovi fondi per il 2021.