Detrazioni fiscali: incentivi per acquisto auto Euro 6. Importo e requisiti

Detrazioni fiscali: incentivi per acquisto auto Euro 6. Importo e requisiti

L'obiettivo del governo era chiudere l'esame del provvedimento entro il 2 luglio, ma l'approdo nell'Aula di Montecitorio slitta ancora e per il via libera con fiducia si dovrà aspettare lunedì 6 luglio.

Si tratta ancora sugli incentivi per l'automotive, anche se l'intesa per spingere lo smaltimento del parco auto euro 6 invenduto negli autosaloni sembra a portata di mano. La conversione in Legge del Decreto Rilancio, prevista inizialmente per oggi, slitterà alla prossima settimana.

La recente pubblicazione del Decreto Rilancio ha fatto si che, da ogni fazione politica, arrivassero delle proposte utili ad aiutare i cittadini Italiani attraverso bonus ed agevolazioni.

Una modifica importante quindi all'emendamento originale, firmato da Pd, Italia Viva e Leu, che prevedeva che per l'acquisto di Euro 6 l'incentivo fosse di 2 mila euro da parte dello Stato e di 2 mila euro da parte dei concessionari. Il bonus sarebbe valido per tutti gli acquisti effettuati tra il prima agosto e il 31 dicembre 2020: fondamentale, però, che l'auto prescelta abbia un tasso di emissioni compreso tra 61 e 110 g/km e un costo non superiore ai 40mila euro al netto dell'Iva.

Si tratterebbe di un aiuto temporaneo - magari non per tutto il 2020 - a un settore che ha subito più di altri la crisi innescata dall'epidemia da Coronavirus, in attesa di un intervento più ampio con la legge di Bilancio in autunno. L'importo dell'incentivo in questo caso viene aumentato di 4mila euro contestualmente ad una rottamazione e di 2mila euro se non si rottama un vecchio veicolo.

Intanto anche la moda, il settore delle cerimonie e degli eventi e la ceramica hanno avuto un piccolo aiuto specifico, con fondi da 5 milioni ciascuno per ristori a fondo perduto.