Coronavirus Gp Italia, arriva il rimborso dei biglietti

Coronavirus Gp Italia, arriva il rimborso dei biglietti

A Monza si correrà senza la presenza del pubblico in un Gran Premio che per ovvi motivi sanitari è stato definitivamente privato di quella sua marea di gente che caratterizza il circuito brianzolo da sempre. "I biglietti già acquistati - è scritto nello stesso comunicato - saranno rimborsati per l'intero valore del prezzo facciale riportato sugli stessi".

Queste le parole del comunicato pubblicato dall'Autodromo: "A causa del perdurare delle condizioni di incertezza legate all'emergenza sanitaria COVID19 - recita il comunicato del servizio di vendita dei biglietti - siamo costretti, nostro malgrado, a confermare che l'edizione 2020 del Formula 1 Gran Premio d'Italia presso l'Autodromo Nazionale Monza si terrà a porte chiuse, ossia senza spettatori".

Adesso le speranza dei tifosi italiani di rivedere la F1 dal vivo sono riposte sul Gran Premio di Imola che si disputerà l'1 Novembre. I clienti che hanno acquistato il biglietto presso un punto vendita della rete fisica di esercizi convenzionati inclusi i punti vendita situati presso l'Autodromo Nazionale Monza, devono richiedere il rimborso compilando in tutte le sue parti il modulo online disponibile alla pagina rimborso.info allegando copia del biglietto.

Chi ha acquistato il biglietto, annuncia l'organizzazione, riceverà via e-mail nelle prossime ore una comunicazione con le diverse modalità di rimborso, in base al canale attraverso il quale sono stati comprati i biglietti. Non è necessario per questi tifosi inoltrare alcuna richiesta o accedere ad alcuna procedura.

Non saranno prese in considerazione richieste inoltrate dopo tale data o con modalità diverse da quanto indicato. Non ci saranno dunque spettatori al GP italiano, in programma all'Autodromo Nazionale Monza dal 4 al 6 settembre.

La nota ufficiale specifica, inoltre, che tutte le operazioni relative al rimborso dei biglietti acquistati per il GP d'Italia a Monza, avranno luogo a partire dal mese di Ottobre 2020.