Ci ha lasciato l'attore John Saxon

Ci ha lasciato l'attore John Saxon

Nel nostro Paese si fece conoscere per i suoi ruoli in diversi spaghetti-western e nei poliziotteschi tra gli anni '70 e '80.

John Saxon, attore e caratterista noto principalmente per la sua partecipazione a pellicole western e horror, è morto.

Si è spento John Saxon, storico volto del cinema internazionale, l'attore è morto a Murfreesboro nel Tennessee. L'annuncio della morte è stato dato dalla terza moglie Gloria Martel, sposata nel 2008, all'edizione online di "The Hollywood Reporter". E ' del 1975 Uccidete Mister Mitchell, dove interpreta l'avvocato Walter Deaney, ed è un reduce da Vietnam in "Apocalypse domani".

Tra i suoi film più noti anche "Tenebre" (1982) di Dario Argento, nel ruolo dell'agente dello scrittore protagonista, e quelli della serie horror "Nightmare".

I fan dell'horror potrebbero conoscere invece meglio John Saxon per il ruolo di Donald Thompson, un agente di polizia nella celebre saga di Nightmare. Nell'arco della sua carriera l'attore interpretò personaggi di origini diverse, tra cui anche un bandito messicano al fianco di Marlon Brando in A sud-ovest di Sonora del '66, un ruolo che gli valse un Golden Globe e il tycoon mediorientale Rashid Ahmed nella serie Dynasty.

Saxon era nato nel 1936 a New York, e il suo vero nome era Carmine Orrico.

Ha recitato in molti film italiani, a partire da "La ragazza che sapeva troppo" di Mario Bava, "I tre che sconvolsero il West (Vado, vedo e sparo)" di Enzo G. Castellari, "La legge violenta della squadra anticrimine" di Stelvio Massi, "Italia a mano armata" di Franco Martinelli, "Napoli violenta" e "Il cinico, l'infame, il violento", entrambi di Umberto Lenzi. Inizialmente lavorò con vari registi, tra cui anche Vincente Minnelli e Blake Edwards, ma anche con John Huston e Otto Preminger. Prese parte anche come guest star al telefilm "Starsky & Hutch".