"Bolsonaro ha sintomi del Covid", in ospedale per controllo

Più di 65mila morti, 1 milione e 620mila contagiati, ospedali allo stremo, l'economia in caduta libera: dopo gli Stati Uniti, il Brasile è il secondo focolaio al mondo della pandemia di coronavirus e ora si trova ad affrontare, per la seconda volta in pochi mesi, il rischio del contagio nel palazzo presidenziale.

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, potrebbe essere positivo al coronavirus. Il presidente brasiliano, che ha compiuto 65 anni a marzo, ha dichiarato di avere 38 di febbre e una saturazione di ossigeno nel sangue del 96%, spiegando che sta prendendo idrossiclorochina. L'agenda, per i prossimi giorni, è stata annullata a scopo preventivo.

Il presidente si è già sottoposto al test per il coronavirus e il risultato è atteso a mezzogiorno di oggi. "Il polmone è pulito", ha detto Bolsonaro ai sostenitori. Interpellata dalla Cnn sui sintomi di Bolsonaro, Cintia Macedo, portavoce presidenziale, ha dichiarato di non disporre di queste informazioni: "Non possiamo confermare nulla di tutto ciò in questo momento".

Il presidente brasiliano ha suscitato spesso scalpore nel corso di questa emergenza per le sue posizioni sul virus, oscillanti tra lo scetticismo e il cinismo di fronte a vittime e contagi.

Il Brasile, governato dal fascioliberista Bolsonaro, è uno degli epicentri mondiali dell'epidemia di Covid-19. La settimana scorsa, addirittura, il capo di stato si è opposto ad un disegno di legge che obbligava l'uso delle mascherine in carcere e nelle strutture socio-assistenziali.