Basket: Datome a Milano, felice di ricominciare da qui

Basket: Datome a Milano, felice di ricominciare da qui

"Sono davvero felice di cominciare questo nuovo capitolo della mia carriera in una società storica e ambiziosa come l'Olimpia Milano", le prime parole da biancorosso. "Gigi è un giocatore che rappresenta tutto quello che cerchiamo in un atleta: carisma, esperienza, valori umani, mentalità vincente. Siamo entusiasti di averlo con noi", dice il general manager Christos Stavropoulos. Ringraziamo Gigi Datome, che ha già preso posto tra i volti indimenticabili del basket Fenerbahçe, per il suo contributo al nostro Club e gli auguriamo un successo senza fine nel resto della sua carriera.

Nato a Montebelluna, ma cresciuto a Olbia, dove ha giocato nella squadra di proprietà del padre Sergio, la Santa Croce, Luigi Datome ha vinto un titolo allievi con la formazione della sua città e nel 2003 si è trasferito a Siena, rimanendovi fino al 2006 e debuttando sia in Serie A che in EuroLeague. L'avventura Oltreoceano, però, non è fortunata e si chiude dopo due anni e passaggi anche nell'allora D-League con i Grand Rapids Drive e ai Boston Celtics. Nell'estate del 2015, è tornato in Europa per giocare nel Fenerbahce. Ogni gioia, ogni successo, ogni soddisfazione che ha vissuto il Fenerbahce, Istanbul o la Turchia stessa, la vivevo anch'io. In totale ha in cascina ben 175 presenze e 1.579 punti, prendendo parte a cinque edizioni degli Europei (Spagna 2007, Lituania 2011, Slovenia 2013, 2015 (con fase finale a Lille, Francia) e 2017 (con fase finale ad Istanbul, Turchia)) e ad un Mondiale (Cina 2019).

Dopo sette stagioni (due in NBA e cinque in terra turca) l'azzurro tornerà quindi a solcare i parquet italiani vestendo la maglia dell'Olimpia Milano con cui sta ha firmato un contratto di due anni con opzione per il terzo. Datome è stato legato a doppio filo a Zeljko Obradovic, anche lui in uscita dal Fenerbahce: il coach serbo è l'uomo che lo ha voluto con estrema forza, esponendosi in più occasioni per lui.