Hamilton non ha apprezzato le opinioni di Ecclestone sui neri

Hamilton non ha apprezzato le opinioni di Ecclestone sui neri

Il confronto ha visto Ecclestone elogiare pubblicamente l'impegno di Lewis Hamilton per sensibilizzare il mondo dei motori e non solo, una posizione netta con la quale il sei volte campione del Mondo ha invitato la Formula 1 a prendere una posizione netta sulle problematiche razziste, sostenendo il movimento Black Lives Matter. Bernie infatti, crede che le sue azioni rispondano a ciò che è accaduto negli Stati Uniti con la morte di George Floyd, non a una profonda convinzione personale.

"Sono felice - prosegue Ecclestone sul comunicato di Liberty Media - che abbiano detto che non sono coinvolto nella Formula 1, almeno non posso essere incolpato di tutte le cose che non hanno fatto".

"Sono sorpreso che la cosa lo riguardi".
Il circus, a tal proposito, ha lanciato l'iniziativa 'We Race As One', finanziata con 1 milione di dollari grazie alla donazione del presidente della F1 Chase Carey. Le persone dovrebbero riflettere un po' e pensare: 'Beh, che diavolo.

"Non sono contro i neri. Sono molto triste e deluso nel leggere questi commenti", ha detto Lewis Hamilton in uno dei suoi discorsi sul web. In effetti, il padre di Lewis voleva entrare in affari con me.

Quando è stato ulteriormente interrogato dalla CNN in merito alla dichiarazione, Ecclestone ha risposto che non aveva prove a sostegno della sua convinzione, ma che l'aveva "notato" nel corso degli anni. Lewis Hamilton è ancora furente dopo le dichiarazioni del grande vecchio della Formula Uno: Bernie Ecclestone.

"Se una persona bianca o nera viene rifiutata in un posto di lavoro, allora ci si deve chiedere perché". Era a causa del loro colore della pelle o perché non erano all'altezza del lavoro? Questo è ciò che intendevo dire. Ma anche i neri dovrebbero pensare lo stesso per i bianchi. Vogliono porre fine alla polizia, ma sarebbe un disastro per il paese. Non è colpa mia se sono bianco o sono un po' più basso del prossimo. Mi chiamavano nanerottolo a scuola e allora mi sono reso conto che dovevo fare qualcosa al riguardo. "Ora improvvisamente parlare di diversità è moderno".