CORONAVIRUS - Media Usa: Ue pronta a vietare l'ingresso agli americani

CORONAVIRUS - Media Usa: Ue pronta a vietare l'ingresso agli americani

Ma non solo viaggiatori americani, anche brasiliani e russi non saranno i benvenuti in Europa. Le frontiere europee potrebbero invece riaprirsi per la Cina, a patto che il gigante asiatico lasci entrare gli europei.

Le capitali, dopo le lunghe sessioni dei 27 ambasciatori, riuniti a livello del Coreper, dovranno quindi trovare una quadra entro martedì 30 giugno, con un voto a maggioranza qualificata.

La decisione di non aprire agli USA dal primo luglio era stata anticipata già in mattinata da New York Times, Washington Post e CNN, secondo i quali difficilmente si potrà cambiare questa decisione. Secondo i media Usa, oltre alla Cina, i Paesi che avranno il via libera da Bruxelles sono Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia e Ungheria. L'elenco dei Paesi da riammettere dovrebbe essere rivisto ogni 14 giorni, consentendo un monitoraggio sull'andamento della pandemia. All'interno dell'Europa, il Regno Unito ha deciso di eliminare, dal 6 luglio, la quarantena per i britannici di rientro dalle vacanze in vari Paesi, tra cui l'Italia. Nella lista in preparazione Oltremanica, dovrebbero esserci anche Spagna, Francia, Grecia, Germania, Portogallo, Belgio Turchia, Olanda e Norvegia.

Ue vieta ingresso a viaggiatori da Paesi a rischio? L'obiettivo e' tutelare la salute degli europei tenendo fuori dalla lista quelli ad alto rischio, dove i contagi sono alti, come gli Stati Uniti ed il Brasile.

La John Hopkins University segnala 40.135 nuovi casi di contagio da COVID-19 negli USA nelle ultime 24 ore. E in Brasile, in un solo giorno, si sono registrati 46'860 nuovi contagi e quasi mille decessi.