Bce "L’impatto economico della pandemia potrebbe essere più duraturo"

Bce

Rispetto alle proiezioni macroeconomiche dello staff dell'Eurotower del marzo 2020, le prospettive di crescita del Pil in termini reali sono state notevolmente riviste al ribasso di 9,5 punti percentuali nel 2020 e riviste al rialzo di 3,9 punti percentuali nel 2021 e di 1,9 punti percentuali nel 2022. "I nuovi dati disponibili confermano che le ricadute economiche delle misure di contenimento saranno drastiche e profonde". La contrazione è stata infatti eterogenea nei vari Paesi e fra le maggiori economie dell'area dell'euro "si è registrato un calo dell'attività economica più marcato in Francia, Italia e Spagna che in Germania e nei Paesi Bassi", specificano gli economisti sottolineando che nell'area dell'euro "l'impatto delle misure di chiusura si è tradotto in una marcata contrazione della produzione industriale" che a "marzo 2020 ha subito una flessione senza precedenti dell'11,3% rispetto al mese precedente e del 3,3% nel primo trimestre del 2020 rispetto al precedente". "In generale - spiega la Bce - l'entità della contrazione e la ripresa dipenderanno in modo cruciale dalla durata e dall'efficacia delle misure di contenimento, dal successo delle politiche volte a mitigare l'impatto negativo sui redditi e sull'occupazione e dalla misura in cui la capacità di approvvigionamento e la domanda interna sono influenzate in modo permanente".

La Bce, sulla base delle ultime stime riguardanti i danni economici rilevati in area euro, e degli scenari che si stanno delineando all'indomani del rigore imposto dal lockdown, ha dichiarato che nel 2020 è atteso un calo del Pil dell'ordine dell'8,7%.

Secondo lo scenario grave, che ipotizza una forte recrudescenza della pandemia e l'adozione di ulteriori misure di contenimento, il Pil dell'Eurozona in termini reali sui dodici mesi si ridurrebbe del 12,6% nel 2020, per poi registrare un recupero del 3,3% nel 2021 e un aumento del 3,8% nel 2022. Il bollettino precisa che "il Consiglio direttivo ritiene che, nel complesso, i rischi per lo scenario di base siano orientati al ribasso".

Inoltre la Bce ha ribadito il proprio impegno a intraprendere ogni azione necessaria nell'ambito del proprio mandato per sostenere tutti i cittadini dell'area dell'euro nell'attuale fase di estrema difficoltà.

Qualsiasi decisione di investimento che venga presa in relazione all'utilizzo di informazioni ed analisi presenti sul sito è di esclusiva responsabilità dell'investitore, che deve considerare i contenuti del sito come strumenti di informazione. Lo evidenzia la Banca Centrale Europea nel Bollettino Economico.