America Latina, oltre 100 mila morti

America Latina, oltre 100 mila morti

Forte impennata nelle ultime 24 ore in America Latina dei morti per la pandemia da coronavirus che hanno raggiunto quota 100.176 (+2.632), per oltre la metà registrati in Brasile. Le situazioni più a rischio in questo momento sono negli Usa e in America Latina. A soffrire di più per la pandemia sono Brasile, Messico, Perù e Cile.

Il Brasile, secondo Paese più colpito al mondo dopo gli Usa, ha registrato un aumento di contagi di 42.725 unità, per un totale di 1 mln 188.631, e altri 1.185 morti, che portano il totale a 53.830.

Il Perù ha riportato 8.404 decessi, ma con oltre 260.000 casi accertati è il secondo Paese nella regione per numero di casi e si trova con gli ospedali al collasso e un crollo economico del 13% registrato nel primi mesi del 2020. 562, con un aumento rispetto a ieri di 62.811 casi.

Una contabilità decisamente più alta rispetto agli altri Paesi scandinavi che hanno adottato le misure di contenimento dei contagi e di distanziamento.

In Finlandia ci sono stati 7.155 casi totali e 327 decessi.

Non si abbassa la curva dei contagi negli Stati Uniti, dove le infezioni totali sono salite a 2,3 milioni con una crescita nelle ultime 24 ore di 35.900 nuovi casi.