Alex Zanardi come sta? Secondo intervento per il pilota

Alex Zanardi come sta? Secondo intervento per il pilota

Per Alex Zanardi la notte è trascorsa senza variazioni.

Zanardi era stato sottoposto ad una prima operazione effettuata alla testa la sera stessa dell'incidente avvenuto il 19 giugno 2019 intorno alle 16.50 sulla statale che collega Pienza a San Quirico D'Orcia.

L'ex pilota di Formula 1 è entrato nella sala operatoria alle Scotte di Siena, la struttura ospedaliera presso cui si trova ricoverato in terapia intensiva.

Nel frattempo Zanardi rimane da oltre una settimana, ricoverato in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva del policlinico universitario Santa Maria alle Scotte di Siena; le sue condizioni restano stabili e, nelle prossime ore, i medici potrebbero provare a risvegliarlo dal coma farmacologico per valutare le sue condizioni neurologiche. Un esame che ha evidenziato un'evoluzione dello stato del paziente che ha reso necessario il ricorso ad un secondo intervento di neurochirurgia durato circa due ore e mezza. A fornire una spiegazioni più dettagliata è il direttore sanitario, Roberto Gusinu, che spiega: "L'intervento effettuato rappresenta uno step che era stato ipotizzato dall'équipe".

La staffetta, fortemente voluta da Zanardi, si chiama Obiettivo Tricolore, ed è partita venerdì 12 giugno da Luino, in provincia di Varese, al confine tra l'Italia e la Svizzera, per concludersi domenica 28 a Santa Maria di Leuca, nel Salento, proprio sulla punta dello Stivale.

La direzione sanitaria dell'Azienda ospedaliero-universitaria Senese informa che, nell'ambito delle valutazioni diagnostico-terapeutiche effettuate dall'équipe che ha in cura l'atleta, è stata effettuata una TC di controllo. L'ospedale, insieme alla famiglia, aveva deciso di non comunicare tutti i giorni il bollettino: poco fa è stato tuttavia diramato un nuovo comunicato per spiegare l'evolversi della situazione.