Via libera Ue alla bad bank. Mps può cedere gli Npl

Via libera Ue alla bad bank. Mps può cedere gli Npl

Intanto il titolo dell'istituto corre in borsa anche per l'ok Ue alla creazione di una bad bank per la separazione dei crediti deteriorati facendo registrare anche dei rialzi pari al +15%. Le azioni Mps alle 13 e 30 circa sono in rialzo del 16,48%. "Siamo stati in contatto con le autorità italiane", ha spiegato la vicepresidente esecutiva della Commissione Ue e responsabile della concorrenza, Margrethe Vestager, secondo cui "da quello che possiamo vedere non è un'operazione di aiuti, è stata decisa prima della crisi Covid", e dunque "abbiamo dato conforto agli italiani su questa questione".

A seguito del via libera informale da parte della Commissione Europea, sono state avviate pertanto le interlocuzioni con la Banca Centrale Europea e la CONSOB in merito alla definizione dei profili autorizzativi per l'avvio dell'operazione.

Lo stato, tuttavia, non potrà avere ripensamenti sull'uscita dal capitale di Mps: "Uno degli impegni della banca è che alla fine verrà venduta", ha dichiarato Vestager sul punto. A quest'ultima verrebbero conferiti 9,7 miliardi di crediti deteriorati che verrebbero gestiti da Amco (ex Sga) una società controllata dal Ministero dell'Economia specializzata nel recupero crediti.