Oggi martedì 5 maggio è la Giornata mondiale del lavaggio delle mani

Oggi martedì 5 maggio è la Giornata mondiale del lavaggio delle mani

"Ognuno di noi, svolge un ruolo importante nella prevenzione delle infezioni: lavarsi le mani, oggi più che mai, si conferma un gesto efficace di prevenzione e di grande responsabilità individuale": lo sottolinea Sonia Viale, vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria, in occasione della Giornata mondiale dell'igiene della mani, ricordando l'importanza di un gesto semplice da compiere nei luoghi di cura e di comunità, per evitare il contagio e ridurre la trasmissione del nuovo coronavirus. Oltre 2000 anni fa, la frase "lavarsi le mani" ha assunto il significato di dichiarare la propria riluttanza ad assumersi una responsabilità o condividerne la complicità, come nel brano biblico di Matteo in cui Ponzio Pilato si lavò le mani dalla decisione di crocifiggere Gesù Cristo. Oggi è la Giornata Mondiale dell'Igiene delle Mani 2020, i Mini Cuccioli propongono una divertente canzone per celebrarla in un video per bambini.

E' ben documentato che quando nelle strutture sanitarie l'adesione alla corretta igiene delle mani è elevata, si riduce il rischio di infezioni correlate all'assistenza.

Lavarsi le mani è un gesto semplice e meccanico ma di fondamentale importanza per garantire un'adeguata pulizia e igiene. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani con almeno il 60% di alcol. Dopo essersi lavate le mani infine, non bisogna toccare nessun oggetto, nemmeno la maniglia della porta, che può essere aperta con un fazzoletto di carta. Che tipo di comportamenti sono dunque invitati a tenere sia i pazienti che gli operatori sanitari?

In Piemonte, il messaggio dell'Istituto superiore di Sanità è stato recepito tra gli altri dall'Ospedale Mauriziano di Torino che, in collaborazione con il Lions Club del distretto torinese, ha varato un progetto di teatro sociale destinato ai bambini delle scuole dell'infanzia e delle scuole elementari per insegnare loro a lavarsi le mani.

Inoltre, l'OMS ha dichiarato il 2020 "Anno dell'infermiere e dell'ostetrica " in riconoscimento del contributo cruciale di queste figure professionali al rafforzamento di sistemi sanitari di qualità. "Le mani curano, danno assistenza e conforto, e sono anche la prima arma a disposizione di tutti per la difesa da tutte le infezioni, a partire da quella da Covid-19".

L'applicazione delle misure di igiene nell'ambito dell'assistenza sanitaria pulita previene le ICA e la trasmissione di microrganismi potenzialmente patogeni sia nel setting assistenziale e sia in comunità.